Nelle #carceri aumentano ancora i contagi #Covid19

 


Anche nelle carceri italiane i contagi sono nuovamente in aumento, sul Riformista del 14 novembre un articolo del senatore Franco Mirabelli del PD che riportiamo sul nostro blog.

La situazione che si sta determinando nelle carceri italiane a causa della ripresa così significativa dei contagi si somma ai problemi patologici del nostro sistema penitenziario e richiede attenzione ed interventi da parte della politica e delle istituzioni. Ne va della salute di chi è in carcere, dei detenuti, degli agenti e degli operatori.

I dati di ieri raccontano di 610 detenuti positivi e 847 persone, di cui 50 operatori, pure contagiati. Di 75 istituti su 192 coinvolti e di 1009 in isolamento sanitario.

Sono dati, per persone coinvolte e numero degli istituti interessati, estremamente più significativi e preoccupanti rispetto alla prima fase del contagio.

Dati che potrebbero essere contenuti se si potesse operare in spazi adeguati a garantire quarantene e separazione.

I protocolli adottati sono utili e efficaci ma si scontrano, innanzitutto, proprio con la carenza di spazi.

Sempre a ieri erano detenute 54.767 persone mentre i posti regolamentari disponibili sono 47131. Si ritorna, quindi, a verificare un sovraffollamento significativo, non superiore a quello di fasi precedenti ma che oggi in piena pandemia, con la necessità di avere spazi dedicati alla cura e all'isolamento e con l’impossibilità di tenere il distanziamento, diventa un grande problema da affrontare e da risolvere.

Le misure introdotte dal Governo nel Decreto Ristori, che in sostanza prorogano quelle decise a marzo, sono importanti ma non sufficienti.

Bisogna provare a fare di più, cogliendo anche le differenze rispetto al passato, dall'elevato numero di contagi al fatto che, in questa fase, i nuovi ingressi quotidiani in carcere, che con il lockdown si erano ridotti di molto, oggi continuano a essere numerosi, mettendo, nei circondariali soprattutto, la struttura ancora più sotto pressione per evitare che chi arriva porti il virus all’interno.

In questa situazione, molte associazioni e istituzioni lombarde, dall'osservatorio carceri, al Garante di Milano, dal Presidente della Commissione Comunale alla Caritas, insieme alle Camere Penali e a altre decine di firme, hanno lanciato un appello al Parlamento perché prendendo atto di questa situazione integri il Decreto Ristori per intervenire ulteriormente riducendo la popolazione istituzionalizzata.

Questo appello va raccolto e lo faremo presentando una serie di emendamenti utili per migliorare il testo in questa direzione.

Intanto, riproporremo tre provvedimenti che già a marzo avevamo sostenuto: alzando da sei mesi ad un anno il limite della pena da scontare al di sotto del quale sarà possibile andare agli arresti domiciliari senza braccialetto elettronico, escludendo i condannati ai reati del 4bis (mafia, terrorismo, reati in famiglia e stalking); aggiungendo 30 giorni per ogni semestre a chi ha già goduto della riduzione della pena per buona condotta per anticipare, come si è già fatto in passato, la fine della carcerazione; rinviando l’emissione degli ordini di esecuzione, a seguito di una condanna, delle pene detentive inferiori ai 4 anni.

Inoltre, come ricordano i firmatari dell’appello lombardo basta sostituire nel testo attuale una “e” con una “o” per consentire a chi ha già accesso a permessi premio o a permessi per il lavoro esterno di restare temporaneamente fuori dagli istituti: sono persone che, usufruendo già di quei provvedimenti non pongono problemi di sicurezza.

Lunedì su queste e altre questioni proporremo emendamenti al Decreto e chiederemo al Governo un impegno.

Sono misure urgenti che aiutano il governo degli Istituti, con provvedimenti di buon senso, suggeriti e sostenuti da chi lavora in carcere dando, in ruoli diversi, un contributo importante, con la consapevolezza che di fronte a questa tragedia non si deve lasciare da solo nessuno e che il diritto alla salute va garantito anche nei luoghi di reclusione.


Commenti

Post più popolare

cosa sta succedendo nel Campo profughi di Mahkmour? #Kurdistan #Mahkmour #HumanRightsViolations #stopturkishaggression