Diario di bordo di Flavio #COVID19


Sono come un riccio. Mi chiudo come lui per proteggermi. Un riccio immerso in un paese fantasma, svuotato da tutto e tutti.
Quello che sta succedendo è il frutto di quello che siamo noi. L’epidemia in atto ci riflette.
Penso sia l’inizio di qualcosa di più brutto che deve ancora arrivare.
Tutto quello che stiamo vivendo è un semplice avvertimento e come decideremo di gestirlo ci dirà come andrà a finire.
Stiamo scherzando con il fuoco.
Vengo dal carcere e per me qui è come stare in un castello e io ne sono il re. Sono libero di girare.
Non ho persone care all’esterno, per fortuna o purtroppo, a cui pensare. Riesco a vivere bene dentro la protezione di questo castelletto.
Passerà? Sì, ma non dimentichiamoci che se non gestiremo bene questa situazione potrà arrivare qualcosa di peggiore.


Commenti

Post più popolare

Non Ci Vede Nessuno - La Società della Cura